The Elder Scrolls Online Dragonhold | A distanza da così tanti anni dal rilascio, la Tamriel di The Elder Scrolls Online continua a lasciarci basiti dinanzi la sua effettiva grandezza. La già enorme mappa di gioco, peraltro, si ingigantì ulteriormente con il rilascio dell’espansione Elsweyr, che aggiungeva la calda terra dei Khajiiti nell’overworld. Tuttavia, Zenimax Media e Bethesda hanno mostrato la volontà di voler continuare a spingere il giocatore sempre più nelle profondità di questa meravigliosa landa. Il risultato è Dragonhold, l’ultimo DLC dedicato alla Stagione dei Draghi di The Elder Scrolls Online che, come avrete immaginato, conclude anche l’arco narrativo a loro dedicati.

Pronti a scoprire una Elsweyr finora sconosciuta?

Scopriamo così che la già bellissima regione di Elsweyr che abbiamo amato non è altro che la zona più a nord (ed estesa, tra l’altro) delle terre dei Khajiiti. Dragonhold è ambientato nell’area a sud di essa, che i residenti chiamano Pellitine, una volta centro dell’aristocrazia e ora capitale della criminalità organizzata e di imperiali esiliati, tra cui uno dei protagonisti principali della trama. Sai Sahan diverrà così un prezioso alleato, in lotta contro la minaccia dei draghi. Assieme a lui viaggeremo su una delle isole più a meridione di Tamriel per eliminare uno di loro che minaccia la già complicata vita della città di Senches, ma dinanzi il suo enorme muso scopriremo una triste verità. L’intero continente è in pericolo e il nostro obiettivo diventa così la necessità di trovare un modo per fermare una volta per tutte l’avanzata dei draghi, scopo che porterà alla rinascita dell’onorevole ordine dei Dragonguard.

In questo modo ha inizio una serie di quest più o meno complesse, che vanno principalmente dal spostarci a un luogo all’altro, ma anche ad affrontare una quantità di nemici mai davvero spropositata. Un’espansione semplice ma che offre un comparto narrativo decisamente di spessore. Sebbene in termini di gameplay non possiamo aspettarci altro che ricompense inedite tra cui spade ed elementi da equipaggiare, la trama è in grado di farci affezionare a personaggi a nostro avviso esemplari, che evidenziano un character design sorprendentemente curato. Abbiamo amato la fermezza di Sai Sahan, l’innata simpatia di Za’Ji, l’essere misteriosi di Selene. Tutti i membri della gilda dei Dragonguard appariranno sin dai primi istanti come colorati, vivaci e sempre pronti a raccontarci storie che li riguardano. Sebbene la caratterizzazione dei personaggi in The Elder Scrolls Online si sia sempre mostrata come più che ottima, non possiamo non evidenziare una cura ancora più maniacale della personalità delle ultime aggiunte.

Continua su: The Elder Scrolls Online Dragonhold Recensione | GamesVillage.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui