Se eri preoccupato che equipaggiare il tuo personaggio sarebbe un semplice processo per guardare un numero a livello di oggetto in Bless Unleashed, probabilmente sarai felice di sapere che l’ultima anteprima della meccanica del gioco chiarisce che non è così. Anzi, al contrario. I giocatori dovranno non solo guardare la qualità di un oggetto, ma anche il suo grado, in quanto è possibile avere tre oggetti Rari ma in tre diversi livelli allo stesso livello.

Non chiederti perché, è su un grafico. Deve essere vero se è su un grafico.

Esiste anche il processo di miglioramento di un articolo, aggiornamento di un articolo quando è sufficientemente potenziato (a quel punto è possibile migliorarlo di nuovo) e i rischi di far rompere l’oggetto mentre si tenta di migliorarlo. Non sembra delizioso? Puoi ottenere la panoramica sul sito ufficiale se sei curioso di sapere come esattamente non riesci a migliorare casualmente un oggetto, anche se puoi quindi sacrificare un altro oggetto dello stesso livello per risolverlo a un livello di miglioramento ridotto. La beta aperta è pensato per novembre, se vuoi provare questo sistema da solo.

 

Sorgente: Bless Unleashed explains the multi-tiered process of equipping your character properly | Massively Overpowered

Articolo precedenteMonster Hunter World Iceborne: una data d’uscita per la versione PC
Articolo successivoDisgaea 4 Complete Plus, video gameplay
Avatar
Dario De Leonardis esiste nell’Internet dalla fine degli anni ‘90. È stato, in ordine sparso: hacker, grafico, web developer, brand designer, analista politico, edonista, spin doctor b-side dell’hinterland tarantino, UI designer, installatore software, attivista per i diritti di tutti quelli che non vogliono togliere diritti agli altri, tecnico informatico, ghost writer, tank in World of Warcraft, organizzatore eventi, autore satirico, cattivo da fumetto, social media strategist/manager, communication expert, Loki durante la beta test di Warframe e modello (buona parte di quanto qui indicato potrebbe essere del tutto inventata). Da curriculum accademico sarebbe critico letterario e teatrale ma si vergogna a dirlo. Ama il cinema d’azione indocinese e il progressive rock del nord-est europa. Tendenzialmente affronta i suoi problemi con il binge watching e il sarcasmo. Sa come si scrive una È maiuscola con l'accento e non con l'apostrofo usando le combinazioni ASCII. È fortemente convinto che una cosa si possa pubblicizzare e vendere anche se non esiste realmente e che un giorno le botnet sui social svilupperanno una coscienza propria e conquisteranno il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui